Home / cultura / #BastaGratis Contro lo sfruttamento del volontariato

#BastaGratis Contro lo sfruttamento del volontariato

con_la_cultura_si_mangia

Con la cultura non si Mangia! Si sfrutta! E’ il nuovo corso del PD. E come al solito l’allievo Renzi supera il maestro Tremonti. Imperativi che si applicano solo se sei giovane, artista e laureato.

Civita il cui presidente è Gianni Letta invece mangia e come, con le Mostre ed i Musei.

Ormai ci sono più indizi che fanno una prova.
In principio furono i 500 giovani per la cultura da pagare a soli 3 euro all’ora per 30 ore settimanali per un intero anno per “formare” all’attività di catalogazione e digitalizzazione del patrimonio culturale. Poi arrivarono le notti bianche in museo non solo per i visitatori, ma anche per i giovani artisti che si esibiscono a titolo gratuito ma devono pagare di tasca propria la polizza assicurativa (obbligatoria) e i diritti Siae. Poi la Sovrintendenza Capitolina prende esempio e decide di remunerare 3 euro all’ora ai “volontari” che dovranno fare per 4 ore al giorno prima accoglienza dei visitatori, informazione, orientamento e accompagnamento di persone singole o gruppi di persone, supporto alla vigilanza. Con il solo scopo di«promuovere in modo anche capillare i beni di carattere storico, artistico, i siti monumentali, archeologici e museali, al fine di aumentarne e migliorarne la fruizione», «incrementare i flussi dei turisti».
Bazzecole da fare a costo zero.

Tutte queste misure sono state contrastate duramente dal #M5S con interrogazioni parlamentari della Montevecchi, di Di Benedetto e per ultimo episodio con interrogazione del sottoscritto.

C’è però una cosa che i giovani brillanti, laureati e formati nelle discipline volte alla tutela e alla valorizzazione dei beni culturali negli Atenei italiani possono fare per trovare lavoro: andare all’estero presso l’University of Missouri a studiare molti beni di interesse storico-culturale italiani, fare ricerca ed analisi, classificare e catalogare. E’ in questa università che andranno molti dei nostri beni culturali a causa di un protocollo sottoscritto da Ignazio Marino, sindaco di Roma per gli interessi di ENEL. Leggi qui=>http://www.palermo5stelle.it/2014/11/30/il-mondo-degli-archeologi-e-fermento-e-noi-m5s-siamo-dalla-loro-parte/. Per tutti gli altri c’è il volontariato.
Operazioni di questo tipo in passato sono state bloccate. Noi siamo con le vostre mobilitazioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code