Home / Interviste / Il volto del movimento 5 stelle e il cambiamento da costruire con i cittadini

Il volto del movimento 5 stelle e il cambiamento da costruire con i cittadini

main_crowd

Il volto del Movimento 5 Stelle lo rintraccio nei cittadini che, sotto il sole cocente o la pioggia battente, montano gazebo nei territori per informare i cittadini, fanno battaglie sul proprio territorio e costruiscono proposte per il lavoro e un’economia nuova, per la qualità della vita, per lo sviluppo sostenibile delle proprie comunità. Il volto del MoVimento 5 Stelle è nelle eccellenze che ad Acerra fermano lo Sblocca Italia di Renzi o nei nuovi Sindaci che puntano sulla cultura. Se mi chiedete di dare un volto al Movimento 5 Stelle penso ai Consiglieri Comunali di opposizione che, per missione, vigilano e combattono per proteggere i cittadini. Il Movimento 5 stelle è il cittadino attivo e informato ed è per questo che serve un’alleanza con la società civile organizzata.

Serve mettere insieme tutte le forze del paese che hanno coraggio, che esprimono bellezze ed energie vitali, sono tantissime, sono migliaia e sono quelli che ogni giorno ci danno speranza e ci liberano dal cinismo e dalla paura. In questo momento stiamo provando tutti a riallacciarci alla cittadinanza attiva perché consapevoli che non basta stare dentro le istituzioni, servono alleanze con la società civile organizzata, serve conoscere i problemi reali dei cittadini, toccarli con mano per poterli risolvere. Questo ci ha contraddistinto in passato rispetto agli altri partiti e questo dovrà fare la differenza per il futuro del Movimento, un patrimonio che ha permesso a cittadini liberi di entrare nelle istituzioni senza intermediazioni.

Paola Nugnes è una di queste cittadine libere, un’amica, una cittadina attiva che nasce dagli avanzati movimenti napoletani sui temi ambientalisti che sono stati sempre all’avanguardia sui temi nazionali. Sono dispiaciuto da chi la tratta con disprezzo e fa richieste infelici, perché lei è parte di quella forza, è parte di quell’attivismo durato anni e anni, che dura nel paese e che abbiamo trascurato in questi mesi. Ha posto dei temi che andavano affrontati nel merito che nessuno ha voluto ascoltare. È rimasta isolata e non lo meritava e nessuna sua proposta per i cittadini, per salvare il nostro ecosistema e la dignità dei cittadini è mai stata sostenuta. Basti osservare come il provvedimento per lo stop al consumo di suolo di cui lei è esperta e relatrice resti al palo in commissione ambiente al Senato.

È ora di mettere insieme tutte le idee ed energie, valorizzandole, ed è chiaro che bisogna stare di più con i piedi nella vita reale. Abbiamo bisogno di guardarci negli occhi. Abbiamo bisogno di stare in strada, nelle piazze, tra i quartieri, insieme. Abbiamo bisogno del coinvolgimento in luoghi di confronto, organi decisionali allargati, assemblee nazionali con decisioni democratiche e votazioni per rendere sempre più vitale il M5S come strumento in mano ai cittadini, alla società civile organizzata. È chiaro che è qualcosa da costruire nel tempo e non tutto e subito perché innanzitutto abbiamo la priorità di fare le migliori scelte per i cittadini perché undici milioni di cittadini ci chiedono di trasformare in realtà il cambiamento che abbiamo auspicato.
Per andare al governo, in una Repubblica parlamentare, servono accordi. Questo non ci ha mai spaventato. Mi spavento invece se dentro questo accordo di governo non riusciamo a mantenere ferma la nostra identità, la stessa che ha conquistato la fiducia dei cittadini, la stessa che in questi anni ci ha detto di continuare a combattere il sistema che non ci piace, quello che opprime tutti i cittadini.

L’Italia purtroppo è ancora piena di contraddizioni e problemi spinosi, in particolare sul tema immigrazione. Il diritto di salvare vite viene prima di tutto ma, devo dirlo, questo punto è stato troppo sottovalutato nei decenni precedenti. Ci sono falle in tutto il sistema: anche il degrado o la mancanza di dignità ai quali costringiamo i cittadini è una ferita aperta che sanguina, extracomunitari o italiani che siano, che per me sono semplicemente uomini e donne, essere umani. Siamo sempre solo noi cittadini contro tutti i poteri, contro una narrazione dei media che ci vuole piegare, contro vecchie e nuove facce che cercano sempre di tornare alla casella di partenza per non cambiare nulla, fregando ripetutamente i cittadini, ma sono sicuro che tutti noi non lo permetteremo più così facilmente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code