Home / Istruzione / LA CHIAMANO ALTERNANZA MA STUDENTI FANNO VOLANTINAGGIO. BASTA SFRUTTAMENTO, INVESTIRE SU QUALITA’ FORMAZIONE

LA CHIAMANO ALTERNANZA MA STUDENTI FANNO VOLANTINAGGIO. BASTA SFRUTTAMENTO, INVESTIRE SU QUALITA’ FORMAZIONE

Foto Piero Cruciatti / LaPresse 07-10-2016 Milano, Italia Cronaca Corteo Studentesco contro la Buona Scuola, il Jobs Act e il lavoro gratuito Nella foto: Corteo Studentesco contro la Buona Scuola, il Jobs Act e il lavoro gratuito Photo Piero Cruciatti / LaPresse 07-10-2016 Milan, Italy News Students protest against the school reform, Jobs Act free labour In the Photo: Students protest against the school reform, Jobs Act free labour

SCUOLA: LA CHIAMANO ALTERNANZA MA STUDENTI FANNO VOLANTINAGGIO. BASTA SFRUTTAMENTO, INVESTIRE SU QUALITA’ FORMAZIONE
“Abbiamo un obbligo nei confronti delle generazioni future, dargli delle opportunità. E invece il progetto dell’Alternanza Scuola-Lavoro, partorito nell’ottica di garantire agli studenti un’opportunità formativa, si è trasformata in una forma di sfruttamento lavorativo che va a discapito del loro percorso di studi e a completo favore delle aziende. La stampa continua a denunciare le distorsioni del programma di Alternanza con gli studenti che si ritrovano costretti a ricoprire ruoli non adeguati agli obiettivi che la scuola dovrebbe raggiungere: ci sono ragazzi che studiano al linguistico catapultati a fare i lavapiatti all’estero, altri che fanno volantinaggio. Oggi gli studenti protestano in tutta Italia contro questo perverso disegno della Buona Scuola e il MoVimento Cinque Stelle è dalla loro parte”.
A dichiararlo è Luigi Gallo, deputato M5S in Commissione Cultura.
“Vorrei sapere in quale cassetto del Miur è finita la Risoluzione del MoVimento Cinque Stelle approvata in Commissione Cultura – continua Gallo – per garantire incentivi alle realtà che, nei progetti di Alternanza, propongono un percorso di vera formazione agli studenti. Non voglio più vedere ragazzi che conoscono 3 lingue fare i lavapiatti: per il Movimento 5 Stelle l’Alternanza non può essere obbligatoria e deve essere concepita come un percorso di formazione. Pensiamo quindi, che occorre dimezzare le ore di Alternanza e raddoppiare le risorse disponibili, investendo sulla qualità delle ore di Alternanza e non sulla quantità”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Scroll To Top