Home / Top News / INCENDI, IL TAVOLO PERMANENTE DI COORDINAMENTO DELLA SOCIETA’ CIVILE SI RIUNIRA’ UNA VOLTA AL MESE

INCENDI, IL TAVOLO PERMANENTE DI COORDINAMENTO DELLA SOCIETA’ CIVILE SI RIUNIRA’ UNA VOLTA AL MESE

tavolo di coordinamento

INCENDI. GALLO (M5S): PRETENDIAMO DAI COMUNI TUTTI I PIANI DI EMERGENZA

IL TAVOLO PERMANENTE DI COORDINAMENTO DELLA SOCIETA’ CIVILE SI RIUNIRA’ UNA VOLTA AL MESE

 E’ fondamentale chiedere a tutti i Comuni i piani di emergenza contro il rischio incendi. Serve un piano operativo per ogni Comune e non una carta straccia inapplicabile. Non possiamo essere piu’ quelli del giorno dopo, non possiamo allinearci a un governo che, a due settimane dalla nostra richiesta di dichiarare l’emergenza nazionale, viene a dirci in parlamento che stanno ancora preparando le carte per avviare le pratiche. Ci sono oltre 50mila ettari di vegetazione andati in fumo, non è solo un attacco alla nostra terra ma anche all’acqua e all’aria. E alle prime piogge ci troveremo di fronte a una nuova emergenza.

Lo afferma Luigi Gallo, deputato del Movimento Cinque Stelle, promotore del Tavolo permanente per la salvaguardia del Parco nazionale del Vesuvio che è stato aperto ieri a Torre del Greco alla presenza dei consiglieri comunali M5S di Torre del Greco ed Ercolano, Ludovico D’Elia e Gennaro Cozzolino, del consigliere regionale Tommaso Malerba e del consigliere metropolitano di Napoli, Danilo Roberto Cascone.

La riunione di coordinamento si svolgerà una volta al mese con il coinvolgimento di nuove organizzazioni e sarà coordinata a rotazione da figure della società civile. Associazioni, volontari e realtà dal basso potranno presentare tutto l’anno le proprie proposte da far recepire a livello comunale, nazionale e regionale attraverso una piattaforma web che sarò disponibile entro la prossima riunione.

La partecipazione dei cittadini è fondamentale. Sono stanco di vedere sui social le foto di rifiuti di ogni genere gettati in strada o nel Parco nazionale del Vesuvio, con il rischio che poi magari vadano a fuoco nei momenti piu’ critici dell’emergenza. Dobbiamo denunciare tutto quello che non va bene alle istituzioni e alle forze dell’ordine. La nostra piattaforma sarà un incubatore di idee ma non solo, i cittadini potranno far pervenire le loro richieste di accesso agli atti e confrontarsi con le istituzioni stesse.  E’ finito il tempo di subire i drammi, aspettando che si trasformino in quelle emergenze a cui nessuno sa piu’ rispondere. Partecipare è il primo passaggio per far funzionare un vero piano di prevenzione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code