Home / Istruzione / UNA SEMPLICE DOMANDA A GIANNINI E FARAONE: QUANDO AVETE INTENZIONE DI DIMETTERVI?

UNA SEMPLICE DOMANDA A GIANNINI E FARAONE: QUANDO AVETE INTENZIONE DI DIMETTERVI?

997770_20150424_gianninicontestat

Ministro, le farò 2 semplici domande.
Lei insieme a Renzi e al sottosegretario Faraone avete imboccato la strada della più ottusa testardaggine che si era mai vista in qualsiasi riforma della scuola in Italia. Quello che dico è evidente per le continue contestazioni che il ministro e il sottosegretario ricevano da 2 anni ogni volta che si presentano ad una festa dell’unità o in un evento pubblico ed è evidente perchè ad ogni evento pubblico del M5S ci sono insegnanti che chiedono di essere difesi da questo governo.

Di fallimento in fallimento procedete noncuranti dei guasti che ogni giorno state portando agli studenti, ai genitori e a tutti i lavoratori della scuola. Avete seminato frustrazione nella classe docenti e raccoglieremo frustrazione nelle prossime generazioni.

Volevate abolire la supplentite e lo scorso anno abbiamo avuto 105mila supplenze annuali, docenti che per un solo anno stanno con un gruppo di studenti e che poi abbandoneranno l’anno successivo, cosa che si ripeterà per decine di migliaia di classi anche quest’anno. Un danno per tutti gli studenti soprattutto per bambini e ragazzi disabili.

Avete inserito la chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti e quest’anno la stragrande maggioranza dei dirigenti ha preferito utilizzare il classico punteggio di graduatoria che risulta un sistema oggettivo di valutazione dei docenti contro l’arbitrarietà di criteri impossibili da monitorare.

Avete inventato l’organico potenziato, un numero di docenti aggiuntivi da assegnare ad ogni scuola per una ventina di strepitose e innovative finalità educative e sono finiti quasi tutti a fare i tappabuchi dei colleghi che si assentono per uno o 2 giorni.

Avete scelta la via di un concorso per la selezione dei docenti che è partito tardi, è ancora in corso e si è svolto con numerose violazioni , errori ed approssimazione non per colpa di chi con spirito di abnegazione ancora una volta ha deciso di essere un servitore dello stato, pagato 2 euro all’ora ,ma per la totale disorganizzazione del ministero. Avevate promesso di assumere tutti i nuovi docenti entro il 15 settembre a scuola e non ci siete riusciti.

Dovreste garantire l’istruzione gratuita per tutti i cittadini nella scuola obbligatoria ed invece siete inermi e complici di un contributo volontario dei genitori che diventa tassa occulta d’iscrizione per pagare la carta igienica e le risme di carte per le fotocopie

Avete programmato il numero di assunzioni per ogni regione e li avete stravolti con le operazioni di mobilità facendo saltare tutta la programmazione.

Avete messo la vita delle persone , e delle loro famiglie e dei loro bambini in mano ad un algoritmo di cui non pubblicate il codice, ne pubblicate la graduatoria nazionale pur se i dati dimostrano che avete commesso un errore ogni 4 operazioni di mobilità

Avete bloccato da tempo il concorso di dirigenti ed oggi pochi dirigenti devono gestire migliaia di scuola e plessi che rischiano di non essere per nulla governati.

Avete inserito un sistema premiale come quello del bonus che invece di migliorare la qualità della scuola lo sta solo inquinando rompendo il clima di collaborazione tra docenti che è il sale di una buona comunità scolastica.

Ad ogni atto avete prodotto una disuguaglianza, tra precari, tra lavoratori, tra scuole, tra studenti, tra insegnanti di ordine e grado. La scuola dell’infanzia è stata dimenticata, le GRADUATORIE AD ESAURIMENTO non sono state esaurite.

Tutto questo ha prodotto decine di migliaia di ricorsi , in tanti dei quali il Ministero è soccombente.
Quello che vogliamo sapere è
tutta questa incompetenza quanto è costata ai cittadini in termini di risorse spese dal ministero per affrontare i costi giudiziari della legge 107 ?

e la seconda domanda è:
quando avete intenzioni di dimettervi lei e il sottosegretario Faraone?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code