Home / Istruzione / PROGETTO UNIVERSITA’, ABBATTIAMO LE TASSE PER LE FAMIGLIE CON REDDITO BASSO!

PROGETTO UNIVERSITA’, ABBATTIAMO LE TASSE PER LE FAMIGLIE CON REDDITO BASSO!

no-tax-txt

Abbattiamo le tasse per le famiglie con reddito ISEE sotto i 20mila euro e cambiamo il sistema del numero chiuso nell’università. Con il M5S è possibile !!

L’Italia è tra i paesi europei con la tassazione universitaria più alta e con il numero di laureati più basso: solo il 23,7% degli italiani tra 30 e 40 anni ha una laurea, contro la media europea del 37,9%! Per l’Italia sarà impossibile raggiungere l’obiettivo del 40% nel 2020, come richiesto dall’Europa. Le alte tasse e un carente sostegno allo studio finiscono con il disincentivare i giovani al proseguimento degli studi.

Le conseguenze per il Paese sono disastrose, dal momento che esiste un fortissimo legame tra livello di istruzione popolazione e sviluppo di un Paese.
Per mettere fine a questo il Movimento 5 Stelle ha presentato in Parlamento una proposta di legge che prevede di bloccare l’aumento della tassazione universitaria e l’entrata a regime delle misure realizzate dal ministro Profumo al tempo del Governo Monti, che consentono alle università di alzare le tasse degli studenti fuori corso senza un tetto massimo e di aumentare fino al 100% la tassazione degli studenti in corso.

Con la nostra proposta inoltre vogliamo introdurre meccanismi, anche sanzionatori, per quelle università che chiedono più tasse rispetto a quanto consentito dalla legge e a realizzare, per la prima volta in Italia, una No Tax Area di esenzione totale dal pagamento delle tasse per i redditi più bassi.
Pensiamo ad una riforma del sistema di tassazione universitaria che preveda:

  • un sistema più equo e una diminuzione della tassa d’iscrizione all’università soprattutto per le fasce medio-basse;
  • istituzione per legge di una NO TAX AREA che preveda l’iscrizione gratuita per gli studenti al di sotto di un determinato reddito;
  • un limite massimo di tassazione totale per ogni ateneo;
  • sanzioni a carico delle università che non rispettano la normativa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code