Home / Acqua / IL POPOLO NON SI ARRENDE MAI, PROMUOVIAMO I REFERENDUM SOCIALI

IL POPOLO NON SI ARRENDE MAI, PROMUOVIAMO I REFERENDUM SOCIALI

refe

Il popolo non si arrende MAI !
E’ ora di ridare voce ai cittadini e correggere le storture del Governo non eletto da nessuno e del presidente del Consiglio scelto dalla segreteria del Pd per conto di tutti gli italiani. Parliamo di due dei provvedimenti peggiori a cui il MoVimento 5 Stelle si è opposto con tutte le sue forze: trivelle, inceneritori e scuola.

Per queste ragioni abbiamo deciso di appoggiare e sostenere la raccolta firme promossa dai comitati del territorio per consentire ai cittadini di esprimersi, tramite referendum, sull’abrogazione delle leggi porcata del Governo Renzi. Chiediamo a tutti i consiglieri eletti col M5S di mettersi a disposizione per autenticare le firme e per contribuire, attraverso i banchetti, alla raccolta firme dei comitati.

Questa settimana Francesco Capasso autenticherà le firme a Marigliano per il 24/04 e per il 01/05 in Piazza Municipio

Io e Valeria Ciarambino saremo a disposizione per supportare i meetup e i consiglieri M5S che si attiveranno in questa battaglia ed intanto un po’ di informazione:

TRIVELLE. Il quesito sulle trivelle, abrogando la normativa introdotta dal governo di Trivellopoli, consentirà di applicare il divieto di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi a tutta Italia (attualmente esistono limiti solo in alcune zone del Paese) per i nuovi interventi in terraferma e in mare al di fuori delle 12 miglia. Non è possibile applicarlo alle concessioni già assegnate dallo Stato, perché colpirle avrebbe reso il referendum inammissibile.
L’intento è chiaro: bloccare tutti i nuovi progetti di perforazione ed estrazione, ridurre devastazioni e problemi di salute connessi ai progetti petroliferi e affrontare, almeno per il nostro Paese, il tema dell’abbandono progressivo dello sfruttamento degli idrocarburi che causano sconvolgimenti climatici, con grave rischio per la vivibilità della Terra. Ci sono decine di richieste di nuove concessioni in corso. Il quesito vuole fermarle.

INCENERITORI. La normativa cosiddetta ‘Sblocca Italia’ fa diventare gli inceneritori “infrastrutture di interesse strategico nazionale”. In altre parola, con questa locuzione, si permette al Governo di far tutto ciò che vuole. Tramite il quesito referendario sarà abolita questa classificazione e si elimina il potere del Governo di decidere dove piazzare i nuovi inceneritori e la capacità di questi impianti. Inoltre, si toglie all’esecutivo il potere di commissariare le Regioni sull’ambito. Non sarà più obbligatorio potenziare al massimo il carico termico e riclassificazione a recupero energetico gli inceneritori esistenti, il trasporto di rifiuti prodotti in una regione per incenerirli in un’altra, il dimezzamento dei termini di espropriazione per pubblica utilità e la riduzione dei tempi per la Valutazione di Impatto Ambientale.

SCUOLA. Su questo fronte, tramite il provvedimento paradossalmente denominato della “Buona scuola”, il Governo ha deciso di ignorare totalmente le istanze e le problematiche evidenziate da chi ogni giorno ci lavora nelle scuole, attuando un programma non condiviso ma imposto al mondo della scuola che già versava in condizioni di difficoltà: gli ha dato, insomma, la spallata decisivo verso il suo collasso.
In particolare sono 4 i quesiti referendari che il MoVimento appoggia.

Il primo cancella la disposizione che consente i finanziamenti privati a singole scuole pubbliche e private: chiaro l’intento di correggere una stortura che non crea solo scuole di serie A o di serie B, ma crea una diversità fino alla serie Z, a seconda della posizione sul territorio e dell’utenza. Scuole per benestanti e scuole per poveracci, con buona pace del principio di uguaglianza costituzionalmente garantito.

Il secondo punta ad abrogare quei poteri altamente discrezionali affidati al dirigente scolastico che può così decidere, in pratica, della vita o della morte (professionalmente parlando) dei docenti. Attivando, ovviamente, una serie di dinamiche che di meritocratico non hanno nulla, mentre si incentivano clientele varie. Non va bene.

Il terzo, collegato a quello sopra, esplica ulteriormente il potere del dirigente scolastico fino a incidere nella vita di ogni giorno dei docenti. Si punta, tramite questo quesito, a impedire che il preside decida come distribuire i bonus economici ai docenti, in base alla propria discrezionalità e con pochissimi criteri oggettivi. Un’altra ingiustizia perpetrata con la “buona scuola” (che di buono non ha proprio nulla).

Il quarto riguarda l’obbligo di alternanza scuola-lavoro per almeno 400 (per istituti professionali) e 200 ore (per i licei). Si tratta di una norma appiccicata in un testo senza alcuna progettualità e senza alcuno obiettivo specifico. Abrogandola consentiremo, come abbiamo chiesto in aula, di costringere il legislatore a potenziare questo aspetto con investimenti e progettualità.

Andiamo tutti a firmare nelle piazze italiane per riprendere in mano il nostro destino. Per essere cittadini e non sudditi e per promuovere quella democrazia dal basso che abbiamo sostenuto sin dalla nascita del MoVimento 5 Stelle ed esercitarla tramite lo strumento principe che la Costituzione ci assegna: il referendum.

Saremo impegnati nello stesso periodo anche sui 3 quesiti referendari e consequenziali raccolta firme per la legge elttorale e per la riforma costituzionale. VAMOS !!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code