Home / Istruzione / ANCHE LA RAI SI ACCORGE DELLA SCANDALOSA VICENDA DEGLI APPALTI DI PULIZIA NELLE SCUOLE!

ANCHE LA RAI SI ACCORGE DELLA SCANDALOSA VICENDA DEGLI APPALTI DI PULIZIA NELLE SCUOLE!

aule-sporche

Grazie Matteo. Sono 3 anni che ci provo dal parlamento e vince la CENSURA. E’ bastata la tua candidatura a Napoli per accendere i riflettori addirittura del TG 1. Si tratta della vicenda scandalosa degli appalti di pulizia nelle scuole a partire dal 2001. E’ la vicenda degli incestuosi rapporti tra il presidente della manutencoop e i vertici della politica nazionale del PD. Magari sarà la volta giusta. Magari risolviamo per SEMPRE il problema. Si può internalizzare il servizio di pulizia nelle scuole assumendo 12mila lavoratori come richiede la nostra proposta di legge in commissione lavoro. Si può sottrarre l’appalto di 1 miliardo e 700 milioni a ditte e cooperative che lucrano sotto gli occhi di tutti. Si può garantire finalmente la salute dei bambini con un servizio di pulizia e vigilanza efficiente.

LEGGI LA STORIA -> http://www.galloluigi.com/2016/01/31/scuolepulite-le-solite-cooperative-rosse-nel-cartello-per-spartirsi-gli-appalti/

Ma i giornalisti potrebbero andare addirittura OLTRE. Mi stupirei, ma sarebbe finalmente giornalismo serio, d’inchiesta. Potrebbero indagare sul finanziamento della campagna elettorale di Piero Fassino per il comune di Torino. Ho letto che spenderà un milione. Levorato, il Presidente di ManutenCoop, ha versato nel 2005 ben 500 mila euro ai Ds guidati da Piero Fassino, che nel 2006 vincono le elezioni con Romano Prodi leader del centrosinistra. Sarebbe interessante sapere dei finanziamenti del PD a Torino. Giovanni Falcone diceva: “Segui i soldi e troverai la MAFIA” . Noi a Napoli non accetteremo neanche un euro dalle Lobby della città e tantomeno dalla MANUTENCOOP. Rispettiamo e sosteniamo tutti i lavoratori onesti ed integgerrimi di ogni azienda. E’ il Presidente della MANUTENCOOP che ha una MAREA di cose da chiarire, non tanto a noi, ma alla magistratura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code