Home / cultura / MCDONALD’S ENTRA NELLE NOSTRE SCUOLE E IL MINISTERO NON BATTE CIGLIO!

MCDONALD’S ENTRA NELLE NOSTRE SCUOLE E IL MINISTERO NON BATTE CIGLIO!

mcdonald

McDonald’s, il colosso del ‘junk food’  promuove in tutta Italia una campagna con raccolta punti, finalizzata a premiare le scuole con fondi da destinare alla didattica, e il sottosegretario Faraone ci raccontandoci che il Miur di questa iniziativa non ne sapeva nulla. Insomma, al ministero cadono dalle nuvole. In sostanza McDonald’s dice alle scuole: più persone portate a mangiare da noi, più punti raccoglierete e maggiori saranno le possibilità che riceviate un premio in denaro. Questo caso è solo l’ultimo esempio di un problema molto più vasto: il governo non investe i fondi necessari per l’istruzione, – obbligando tra l’altro moltissimi genitori a mettere mano al portafogli con i contributi volontari – e, così facendo manda la scuola pubblica alla deriva, dove diventa preda dei privati e degli sponsor.

Questa è la risposta data ieri dal sottosegretario al Miur Davide Faraone all’interrogazione che abbiamo presentato in Commissione Cultura.

rispostaFaraone

Non bastasse, nella risposta il ministero afferma, senza battere ciglio, che le aziende possono organizzare e promuovere la propria offerta commerciale attraverso le loro autonome strategie di marketing. Al limite, starebbe alle singole scuole rifiutare le potenziali offerte. Sostanzialmente il Miur se ne lava le mani. In questa replica manca poi l’elemento alla base dell’interrogazione: la tutela della salute degli studenti.

Lo afferma Il sottosegretario Faraone, indagato per peculato, afferma che Mc Donald’s, Esselunga, Coop, Yamaha, Samsung, Microsoft possono fare marketing a scuola. Il PD, Forza Italia e Lega preferiscono finanziare i giornali piuttosto che le scuole. Nessuna tutela per i bambini e i ragazzi che subiscono le strategie di marketing e per il governo è tutto normale. Il M5S che nella ‪#‎BuonaScuola‬ ha provveduto a cancellare le sponsorizzazioni con un mio emendamento, si è visto respingere la richiesta di abolire il marketing aziendale a scuola. Ci stanno consegnando uno stato con le pezze al culo.

Ci vuole davvero una bella faccia tosta da parte del Miur per non accorgersi del fatto che McDonald’s non rappresenta un caso esemplare di cucina sana. Non c’è che dire, proprio un bell’esempio da parte del ministero, il quale si contraddice da solo dal momento che nelle linee guida per l’educazione alimentare, adottate il 31 ottobre 2015, suggerisce di disincentivare, nelle scuole di ogni ordine e grado, la somministrazione di alimenti non salutari.

Il governo e il ministero dell’Istruzione dimostrano un totale disinteresse nei confronti della salute degli studenti e il loro obiettivo di fondo appare ogni giorno più evidente: smantellare la scuola pubblica statale, stringere legami con lobby e grandi aziende, trasformare i cittadini, fin dall’età scolare, in consumatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Scroll To Top