Home / Top News / OGGI SUL FINANCIAL TIMES: IL M5S E’ PRONTO A GOVERNARE E NON SCHERZA!

OGGI SUL FINANCIAL TIMES: IL M5S E’ PRONTO A GOVERNARE E NON SCHERZA!

1915196_1108222045878728_1692756323784205793_n

Oggi sul Financial Times. Il M5S è pronto per governare e non scherza !

<< Quando il populista Movimento Cinque Stelle irrompe in politica italiana nel 2009, durante la crisi finanziaria , è stato definito di proteste senza compromessi e il corpulento , con una sardonica figura come leader , il comico Beppe Grillo .

Ma il Movimento Cinque Stelle ora sta tentando di cambiare il suo volto da quello di uno dei più eccentrici in Europa – anche clownesco – partiti politici. La trasformazione si propone di raggiungere quello che sembrava una fantasia solo un anno fa : per governare il Paese e sfidare il governo di centro -sinistra guidato dal primo ministro Matteo Renzi. “La percezione del movimento è cambiata “, dice Di Maio al Financial Times . “All’inizio c’era l’idea che fosse solo un movimento di protesta . . . Ma abbiamo abbattuto quel muro . Noi vogliamo governare “.
Le probabilità che ciò accada sono in aumento. Il Movimento Cinque Stelle è il secondo partito in Italia . Dopo la risalita del Partito democratico del signor Renzi di quasi 20 punti percentuali in un anno fa , i recenti sondaggi indicano che il margine si è ridotto a circa 5 punti percentuali – 32 per cento al 27 per cento (i sondaggi attuali ci danno a 2 punti percentuali di distanza).
” Il Movimento Cinque Stelle è sicuramente la forma migliore di tutti gli sfidanti di Renzi , e lui ha paura di loro”, dice Gianfranco Pasquino , professore di scienze politiche presso SAIS -Europe a Bologna. Che il Movimento Cinque Stelle abbia anche un colpo a minacciare il signor Renzi la dice lunga sulla spinta politica calante subita dall’ex sindaco di 40 anni di Firenze, che si è insediato nel febbraio 2014 tra grandi speranze di poter trasformare l’Italia .
L’economia sta crescendo di nuovo dopo anni di stagnazione e recessione. Ma i guadagni non si fanno sentire. “Le persone sono scoraggiate, deluse e ancora arrabbiate”, Roberto D’Alimonte, professore di scienze politiche presso l’Università LUISS di Roma, dice.,“La ripresa non arriva giù”.
Di Maio sta certamente affinando il suo messaggio contro il primo ministro. “Renzi sembrava un volto nuovo, ma non ci volle molto per capire che si stava muovendo in direzione dello stesso vecchio modo di governare questo paese”, dice.

Ma convincere gli italiani che il Movimento Cinque Stelle è un’alternativa credibile resta un’impresa ardua finchè verrà percepito come un partito di ostruzionismo puro e opposizione. Il più noto slogan politico del signor Grillo quando ha lanciato il movimento era “vaffanculo” – un’esplicita imprecazione rivolta all’establishment. E lui ha rifiutato di prendere in considerazione di essere parte di qualsiasi governo di coalizione.
A poco a poco, però, il Movimento Cinque Stelle ha vinto qualche gara comunale – aggiudicandosi il controllo di piccole città come Parma, Livorno e Ragusa. I risultati sono stati misti. Il sindaco di Livorno, per esempio, ha dovuto affrontare dure critiche dopo lo scandalo della spazzatura non raccolta scoppiato nella città portuale toscana.
“La loro vaghezza, la loro incompetenza e la loro inadeguatezza sono visibili a tutti”, dice Alessia Rotta, un parlamentare del partito democratico vicino al signor Renzi.
Una prova di forza più grande attende il Movimento Cinque Stelle il prossimo anno , quando le elezioni locali si terranno in alcune delle più grandi città italiane. La grande sfida è Roma, la capitale degli scandali dove i cinque stelle sono stati sulla cresta dell’onda nei sondaggi dopo le dimissioni nel mese di ottobre del sindaco del PD Ignazio Marino.
“Gli altri partiti hanno paura di governare Roma, ma crediamo che sia l’occasione per misurare noi stessi”, dice Di Maio, il figlio di un imprenditore immobiliare e un insegnante di liceo che è cresciuto a Pomigliano d’Arco, una città in all’ombra del Vesuvio più famoso per essere un grande centro di produzione di Fiat.

La piattaforma del Movimento Cinque Stelle si è basata su alcuni pilastri fondamentali che hanno attirato i sostenitori sia da destra e sinistra: opposizione alla corruzione, l’ambientalismo, e un referendum sulla adesione all’euro, che Di Maio incolpa per molti dei problemi economici dell’Italia.
“Il vero fallimento dell’unione monetaria è quello di pensare che i paesi del sud dovrebbero viaggiare alla stessa velocità di quelli del nord” dice.
Ultimamente, il suo partito si è scagliato contro il salvataggio in Italia di quattro banche di piccole dimensioni, che hanno spazzato via migliaia di risparmiatori e investitori.

Beppe Grillo, il leader del movimento populista Cinque Stelle in Italia, ha lanciato un attacco a piena regola all’euro, dicendo che Roma dovrebbe abbandonare quello che ha definito una “camicia di forza anti-democratico”.
“Il loro obiettivo era quello di salvare i banchieri, non i cittadini”, ha scritto Di Maio sulla sua pagina Facebook la scorsa settimana. Ci sono alcuni segnali che mostrano di voler moderare alcuni contorni più radicali del signor Grillo. Il sig. Di Maio ha recentemente contribuito a mediare un accordo con il PD del signor Renzi per la nomina di tre giudici costituzionali. E dopo gli attacchi terroristici di Parigi, per esempio, ha negato il supporto del ritiro dell’Italia dalla NATO – un’idea sostenuta dal signor Grillo.
“Questo non è in discussione” dice. “Invece di bombardamenti, l’Occidente ha bisogno di più “intelligence” e deve annullare le fonti di finanziamento all’ISIS provenienti dall’area del Golfo. “E ‘vero che l’ISIS ci sta terrorizzando, ma ha 80.000 persone dalla sua parte, che è un quartiere di Napoli. Con misure forti per minare le loro finanze si sgonfierebbero come un palloncino”, aggiunge.
E lui è pronto a prendere le distanze da un altro partito populista che scuote la stabilità dell’Europa, l’estrema destra del Fronte Nazionale francese. La sua ascesa riflette un “clima di indignazione generale», spiega Di Maio.

Eppure il Movimento Cinque Stelle, insiste, non siamo una tossina populista, ma il suo antidoto: “Siamo i portavoce naturali dei cittadini. Siamo una barriera contro l’odio e l’estremismo “. >>

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code