Home / Acqua / Una proposta di legge d’iniziativa popolare per rendere pubblica la gestione dell’acqua

Una proposta di legge d’iniziativa popolare per rendere pubblica la gestione dell’acqua

gg

Per le partite pregresse, lì dove insistono ricorsi al giudice di pace, la Gori sta annullando le bollette prima di arrivare alla sentenza facendo venir meno il motivo del contendere. Tutto questo a nostro avviso per evitare eventuali giudizi a lei sfavorevoli e per tenere basso i costi dei contenziosi.

Un motivo in più per tutti i cittadini per continuare a non pagare e ricorrere contro le partite pregresse.

L’Autorità dell’Energia Elettrica e del GAS e del Servizio Idrico è in fibrillazione sul caso GORI. I rilievi che ha ricevuto sono tantissimi. Non capisco cosa stia aspettando la Gori a ritirare la riscossione delle partite pregresse e cosa attendino Regione e Comuni a richiederla.

La procedura di infrazione dell’AEEG contro la Gori si concluderà a settembre, anche a fronte di documentazioni incongruenti rispetto ai controlli effettuati dalla Guardia di Finanza ad aprile 2014 e che la stessa società ha spedito all’AEEG per l’approvazione delle nuove tariffe.

Sul tema dell’Acqua Pubblica, il missionario Camboniano Alex Zanotelli ha portato le sue parole dirompenti alla Camera dei Deputati per dare slancio alla proposta di legge d’iniziativa popolare per rendere la gestione dell’acqua pubblica. E’ partita in commissione ambiente su sollecitazione continua del M5S.

https://www.facebook.com/luigi.galloM5S/videos/vb.770978226269780/1006038236097110/?type=2&theater

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code