Home / Senza categoria / Il Sentiero delle Bonifiche – Il tour del M5S tra le discariche del Parco Nazionale

Il Sentiero delle Bonifiche – Il tour del M5S tra le discariche del Parco Nazionale

04
RIVALORIZZARE IL PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO – Il Sentiero delle bonifiche è un percorso che attraversa Terzigno, Boscoreale, Poggiomarino e gli altri Comuni del Parco Nazionale del Vesuvio. Un cammino ed anche un grande progetto di rivalorizzazione delle cittadine situate a Sud di Napoli. L’idea di un piano di bonifiche e di riqualificazione dell’intero comprensorio vesuviano è venuta ai deputati campani del Movimento 5 Stelle Luigi Gallo, membro della Commissione Cultura alla Camera e Salvatore Micillo, Commissione Ambiente, e alle senatrici Vilma Moronese, della Commissione Ambiente al Senato e Paola Nugnes, che fa parte della Commissione Ambiente al Senato e della Commissione d’Inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, che questa mattina sono intervenuti al Target Cafè di Boscoreale per incontrare cittadini e giornalisti ed illustrare il progetto di riqualificazione. “Il nostro piano di lavoro – ha spiegato il deputato Luigi Gallo nel corso della conferenza – parte da un valido assunto: cava Vitiello sarebbe dovuta diventare la discarica più grande d’Europa ma la lotta degli attivisti ha impedito che si perpetrasse questo scempio. Noi del Movimento 5 Stelle vogliamo trasformarlo in un’occasione di riscatto e trasformare questi territori martoriati in un sito d’interesse culturale e turistico, il più grande d’Europa! La nostra idea di bonifica è diversa dalle altre perché prevede un meccanismo di partecipazione dei cittadini che ci aiuteranno a monitorare lo stato dei luoghi e soprattutto nella fase successiva, quella di progettare le vere e proprie strategie d’intervento. Il primo step, successivo ai sopralluoghi, sarà quello di istituire un tavolo tecnico dedicato a monitoraggio e valutazione dei progetti dibonifica e riqualificazione che sarà l’occasione giusta per permettere un confronto tra tutte le istituzioni interessate, sia quelle locali che quelle nazionali, compreso l’Ente Parco ed il Ministero dell’Ambiente e quello dei Beni Culturali”. Per Paola Nugnes “c’è bisogno di persone attive sul territorio che rappresentano il punto di partenza per qualsiasi idea di riscatto. Noi vogliamo che la Campania intera riparta e ripartiremo dalle tante bellezze che fortunatamente sono disseminate sul nostro territorio”. Vilma Moronese chiede di fermare lo Sblocca Italia: “Mentre il governo, con il decreto Sblocca Italia, vuole la creazione di nuovi inceneritori, noi vogliamo che il cammino di rinascita segua la via dellasostenibilità: più raccolta differenziata e promozione del compostaggio domestico”. Per Salvatore Micillo “dopo una legge contro i reati ambientali, la prima approvata grazie al mio impegno in Parlamento e a quello degli altri deputati e senatori del Movimento Cinque Stelle, bisogna partire dalle bonifiche e dalla partecipazione. I cittadini devono vivere attivamente la politica. Solo così la Campania e l’intero paese potranno ripartire”.
sopralluogo a Terzigno e Boscoreale

IL SOPRALLUOGO, UN MINI-DOSSIER SULLE DISCARICHE – Disseminate nelle zone periferiche dei Comuni  a sud di Napoli ed in pieno Parco Nazionale del Vesuvio ci sono decine di aree oggetto di sversamento illecito di rifiuti. I parlamentari del Movimento Cinque Stelle, accompagnati dai cittadini, dalle attiviste de “Le Mamme Vulcaniche” e “La Fenice Vulcanica” e i rappresentanti dei Meetup locali, hanno visitato queste zone per monitorare lo stato dei luoghi. Lo scopo era inoltre quello di riprendere gli scempi che continuano a perpetrarsi in questi siti: riprese fotografiche e video saranno inserite all’interno di minidossier informativi che verranno pubblicati dai parlamentari. La prima area visitata è stata vasca Fornillo, nel Comune di Terzigno: dal sopralluogo si è evidenziata la presenza di liquami tossici che vanno a finire direttamente nel Sarno. Il Movimento Cinque Stelle continua a monitorare il “Grande Progetto Sarno” per il quale il Movimento Cinque Stelle chiede una “riqualificazione naturale”. Passando per i rifiuti disseminati lungo via Vecchia Aquini, parlamentari e cittadini hanno raggiunto Cava Ranieri, in pieno Parco Nazionale del Vesuvio, all’interno dellaquale si trovano  quattro ville Romane, scavate negli anni Ottanta e risalenti al I secolo a. C. Presente anche Caterina Cicirelli della Soprintendenza Archeologica di Pompei. Tre di queste ville sono state ricoperte e soltanto una è visibile al pubblico ma priva di manutenzioni. Dalla Soprintendenza lamentano la carenza di personale che non permette un monitoraggio quotidiano dell’area. “Il Movimento Cinque Stelle – ha spiegato il deputato Luigi Gallo – vorrebbe che proprio questo sito rappresenti il cuore pulsante del nostro sentiero delle bonifiche. La Campania è conosciuta in tutto il mondo per le sue bellezze archeologiche e queste rappresentano l’unico punto di partenza per un grande progetto di riqualificazione territoriale”. E ripartire significa anche risanare l’area circostante a cava Vitiello, altra tappa del tour dellebonifiche. Cava Vitiello, simbolo della lotta contro le discariche, avrebbe dovuto ospitare la più grande discarica d’Europa. Evitato lo scempio la situazione attuale è ancora critica, con montagne artificiali di rifiuti che circonda l’area, di proprietà di privati. “Gli imprenditori – ha spiegato Gallo – sono anch’essi vittime di questa emergenza. Nessuno è stato in grado di dare loro un’alternativa al business delle discariche”. Nell’ex cava Sari, situata alle spalle della nuova discarica Sari, i miasmi sono ancora presenti. A coprire le ecoballe un telone di protezione che però non riesce a contenere i cattivi odori. C’è bisogno di un serio monitoraggio affinché si verifichi se qualcuno continua a sversare nella cava ormai satura e dismessa.

05

08

09

COSA SI E’ FATTO IN PARLAMENTO – Deputati e Senatori campani del Movimento Cinque Stelle hanno avanzato una serie di proposte già discusse in sede parlamentare. In tema di Terra dei Fuochi, il deputato Luigi Gallo ha fatto approvare due emendamenti al decreto: il primo prevede l’aumento delle pene, entrate nel codice penale, per le imprese che si dedicano al reato di incendio di rifiuti anche se per omessa vigilanza, di cui sarà responsabile il titolare dell’impresa; il secondo, invece, prevede l’istituzione di interventi di monitoraggio anche di radiazioni nucleari. Non sono stati approvati, invece, gli emendamenti che Gallo ha presentato circa l’istituzione di un Comitato Interministeriale cui la Commissione avrebbe dovuto riferire ogni sei mesi e circa un divieto alla stessa Commissione ad operare con poteri straordinari ed urgenti che deroghino norme e leggi vigenti.
Grazie al Gruppo Cinque Stelle, inoltre, è stato possibile introdurre il delitto di reati contro l’ambiente che prevede l’introduzione di quattro nuovi delitti: di inquinamento ambientale, punito con la reclusione da 2 a 6 anni e la multa da 10mila a 100mila euro, di disastro ambientale, per cui è prevista la reclusione da 5 a 15 anni, di traffico e abbandono di materiale di alta radioattività, punito con la reclusione da 2 a 6 anni e la multa fino a 50mila euro e di delitto di impedimento al controllo ambientale, perseguito penalmente con una reclusione da 6 mesi a 3 anni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code