Home / Commissione Cultura / Vietato parlare in Parlamento di corruzione e cooperative rosse

Vietato parlare in Parlamento di corruzione e cooperative rosse

vietato
Il Presidente del Consiglio Renzi affida l’operazione «Scuole belle» alla Manutencoop, senza gara d’appalto, per la manutenzione ordinaria delle scuole. Sì, parliamo della stessa cooperativa rossa il cui presidente è coinvolto negli scandali Expo. Insomma, somme messe a budget per lavoretti che, sicuramente, se lasciati alle amministrazioni locali, sarebbero costati molto meno ed avrebbero coinvolto la piccola e media impresa locale.

Daspo per i politici coinvolti nelle inchieste, così come per i corruttori, annunciava Renzi per raccattare voti . Le sue parole: mi fai la cortesia, tu che hai corrotto o concusso qualcuno, di non mettere più piede negli appalti pubblici. Chi ruba, va a casa a calci nel sedere, diceva Renzi. Tutte parole di Renzi, parole. E i fatti ? I fatti sono che il pacchetto anticorruzione il 1o ottobre 2014 per l’ennesima volta viene insabbiato al Senato e l’Italia continuerà a non avere una norma seria sull’anticorruzione, sul riciclaggio, sull’autoriciclaggio, sul falso in bilancio. Il «colletto bianco» che ruba non avrà nessun calcio nel sedere, ma una bella pacca sulla spalla di incoraggiamento dal Premier Renzi.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=ESFX8Bp1z_M]

0 Commenti

  1. Ma Renzi dice anche che il Terzo Settore deve diventare il primo. Il primo per malaffare !

    Questo yterzo settore deve pagare le tasse per intero e basta. Cominciamo almeno a far quello visto che ciucciano soldi a trutto spiano

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code