Home / Commissione Cultura / I nuovi schiavi nelle scuole sporche

I nuovi schiavi nelle scuole sporche

scuoleBelle
State trovando scuole sporche quando accompagnate i vostri figli a scuola? I bambini si ritirano a casa con problemi respiratori? Sappiate che gli unici veri responsabili sono Letta e Renzi.

Continuiamo a ribadire che le esternalizzazioni della pulizia a scuola sono un sistema fallimentare che porta risorse inutili ad intermediari come Ditte e Cooperative invece di utilizzarli per i nostri bambini e da questo sistema marcio si esce solo con le assunzioni nelle scuole dei lavoratori di pulizia.

Nonostante provvedimenti di legge, accordi in sede governativa, le ditte e le cooperative di pulizia con il complice silenzio del Governo stanno esonerando molti lavoratori dal prestare l’attività lavorativa, con tutte le forme possibili: riposo obbligatorio, ferie forzata e c’è chi ci racconta che i propri dirigenti impongano l’assurdo: “Domani portami un certificato di malattia di 5 giorni”

La paura e che ci siano ditte e cooperative che stanno preparando le condizioni per avviare procedure di licenziamento collettivo, da parte delle imprese che gestiscono attualmente i servizi anche di manutenzione, fin dai primissimi giorni di luglio 2014.

In altri casi, i tagli stanno determinando decurtazioni di ore e salari con lo scivolamento dei lavoratori sotto la soglia di povertà. Le scelte organizzative di questo Governo rappresentano un peso davvero eccessivo per dei lavoratori che, è bene ribadirlo, a fronte di un salario già misero, in molti casi unica fonte di reddito familiare, sono addirittura costretti a rimanere a casa nonostante le risorse stanziate dal governo.

I governi sostenuti dalle Lobby Economiche affamano sempre i lavoratori e li rendono schiavi. Un governo di cittadini libererà questo Paese

Nuova interrogazione per i lavoratori delle ditte di pulizia=>http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.Asp?idAtto=24127&stile=7&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+SCRITTA%27

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code