Home / Commissione Cultura / Quando i sindacati vengono superati dai lavoratori e dalle famiglie. Succede nel Veneto

Quando i sindacati vengono superati dai lavoratori e dalle famiglie. Succede nel Veneto

Volantino manifestazione
Finalmente anche nei sindacati confederali a Venezia ci sono i primi smottamenti causati dalla proposta del #M5S di internalizzare il servizio di pulizia e vigilanza nelle scuole. E’ probabile che la nostra testardaggine e informazione stia convincendo molti lavoratori che stanno facendo pressione sui sindacati. Ma quest’ultimi ufficialmente continuano ad imboccare una strada senza uscita per i lavoratori chiedendo proroghe e più risorse fino a giugno con ulteriori soldi da sperperare del Ministero dell’Istruzione.

Lunedì c’è stato un incontro presso la sede sindacale di via Ca’ Marcello 10 a Mestre (VE) a cui ha partecipato il deputato #Cozzolino del #M5S.

E’ ora che i sindacati confederali smettano di proteggere il governo, il PD e le aziende, smettano di avallare soluzioni farlocche, che rimanderanno il problema, sprecando ulteriori soldi del Ministero dell’Istruzione, tenendo i lavoratori sotto ricatto, per non ottenere nessun risultato se non il mantenimento di un “sistema” che conviene a pochi (qualche sindacalista, qualche politico, qualche imprenditore) e danneggia tutti (lavoratori, studenti, famiglie, contribuenti).

Le famiglie iniziano a ribellarsi nel Veneto che non vogliono più mandare i loro figli in scuole sporche e speriamo che questo scatto di dignità si estenda a tutta la Penisola. Sabato 15 Gennaio diversi deputati e senatori del #m5s saranno presenti alla manifestazione dei genitori.

Il Ministro da una settimana sta valutando tecnicamente la nostra proposta: internalizzare il servizio, inserire i lavoratori delle ditte esterne in graduatoria ATA e aumentare l’organico ATA di 11000 unità senza ulteriori risorse. Famiglie, studenti e lavoratori aspettano ansiosi

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=hEKgt1v_gv8]

0 Commenti

  1. nel testo è scritto erroneamente 15 gennaio, correggete!
    Avanti così!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code