Home / Commissione Cultura / Le connivenze dei sindacati. Fino a quando?

Le connivenze dei sindacati. Fino a quando?

votazione cultura
Chi sta uccidendo la scuola pubblica?
Possono essere solo i ministri e i partiti che si sono succeduti negli ultimi venti anni di alternanza tra centrosinistra e centrodestra? E’ indubbio che siano stati sicuramente gli esecutori materiali. L’ultimo, in ordine di arrivo, è il nuovo ministro Carrozza di nomina #PDexmenoelle che ha tagliato 23 milioni per il 2014, stanziando 493,9 milioni di euro alle scuole private e 120 milioni per le università private.

Ma chi ha compartecipato e compartecipa al delitto?
Chi si è seduto affianco al malato terminale sulla barella per decidere ogni anno quale pezzo del corpo amputare, se un dito, una gamba o un piede? Chi ha scelto di partecipare a questo rito di cannibalismo macabro che porterà solo al decesso ?

Tutti i ministri hanno ben chiarito quali erano le regole: sedetevi al tavolo con noi e troviamo risorse per la scuola pubblica ma sottraendoli alla scuola stessa o al più all’università e alla ricerca.

Cosa hanno fatto questi compari della politica, queste anticamere dei partiti, questi allevamenti per nuovi segretari a cottimo della partitocrazia? Hanno ribaltato il tavolo? Hanno indetto scioperi nazionali ad oltranza fermando il paese, coinvolgendo genitori, famiglie, studenti e lavoratori fino ad ottenere risorse aggiuntive all’istruzione?

No. Si sono venduti i lavoratori, spesso i precari. Il futuro degli studenti. E lo faranno ancora.
I sindacati confederali CGIL, CISL e UIL si siederanno (con quale mandato?) ancora una volta al Tavolo del Ministro dell’Istruzione #Carrozza il 28 Gennaio e decideranno che i sacrosanti scatti stipendiali (solo per quelli che ne hanno potuto usufruire nel 2013) dei docenti che hanno perso un potere di acquisto di quasi il 30% in questi anni, li pagheranno gli studenti, le famiglie e gli stessi docenti con tagli al Fondo d’Istituto Scolastico.

Il malato sta per morire. Che dite gli facciamo un’iniezione letale per non farlo soffrire?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code