Home / Economia / Il Manifesto Neoliberista (storia di un Impero Mondiale Invisibile)

Il Manifesto Neoliberista (storia di un Impero Mondiale Invisibile)


1. Noi vogliamo cantare l’amore per il mercato, l’abitudine al consumo e al denaro

2. La speculazione, la sopraffazione, la concorrenza saranno elementi essenziali del nostro operato

3. La filosofia esaltò fino ad oggi l’etica, la ricerca della felicità ed i diritti umani. Noi vogliamo esaltare il consumo convulsivo, la freneticità, la crescita infinita, il dominio ed il possesso

4. Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: un mercato senza regole. Il denaro e la merce può spostarsi da un capo all’altro del mondo ad elevata velocità, sia essa acqua, seme o pensiero… tutto è merce, tutto è in vendita, ogni cosa ha un prezzo

5. Noi vogliamo inneggiare ai banchieri e ai dirigenti delle multinazionali che stabiliscono le regole degli stati e della politica economica internazionale

6. Bisogna che gli economisti, i politici e gli opinionisti si prodighino con ardore, convinzione e fede per aumentare l’entusiastica privatizzazione di ogni elemento della natura

7. Non v’è più bellezza se non l’arricchimento individuale. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo verso la vita e la Natura può essere un capolavoro. L’economia deve essere concepita come un violento assalto ai territori, per ridurre gli individui a prostrarsi alla compravendita

8. Noi siamo sul promontorio estremo dei millenni! … Perché dovremmo guardarci alle spalle, se vogliamo possedere tutto? Il tempo e lo spazio sono in vendita. Noi viviamo già l’assoluto desiderio di ricchezza economica, poiché abbiamo creato l’eterna illusione di potervi accedere.

9. Noi vogliamo glorificare la guerra – una vera opportunità di profitto e crescita infinita – l’impresa militare, la proprietà privata, il gesto distruttore utile alla ricostruzione, le belle promesse economiche di ingaggio per cui si muore e il disprezzo dei deboli

10. Noi vogliamo distruggere i cervelli, le conoscenze, la coscienza critica e gli esempi etici di ogni specie, e combattere contro la solidarietà, la gratuità e contro ogni cooperazione tra gli esseri umani se non hanno il fine ultimo del profitto

11. Noi mostreremo le grandi folle agitate dal consumo, dal successo, dalla tifoseria e dall’idolatria; mostreremo le marche multicolori e i jingle delle pubblicità sulle TV di tutto il mondo; mostreremo il vibrante fervore notturno dello sballo e del divertimento, stimolate dalle droghe di ogni specie; le strade, gli ingorghi e i tubi di scappamento; il ricatto sul lavoro come necessità; il cemento come indispensabile manto per la terra, le auto fiammanti che sfrecciano ovunque, come enorme estensione del nostro ego ingabbiato, e il superamento di ogni limite umano oltre le risorse offerte dal Pianeta Terra.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=1WtF3XEI3Lo]

0 Commenti

  1. Chi meglio di lui incarna il mercato, dove tutto si vende e si acquista, anche le passioni e i sentimenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code