Home / alternativa / Luigi Gallo sul Ring per il MoVimento Cinque Stelle

Luigi Gallo sul Ring per il MoVimento Cinque Stelle

TUTTI I PARTITI, ormai così come sono strutturati, hanno dimostrato che NOI CITTADINI NON CI POSSIAMO FIDARE DI LORO.

C’è bisogno che all’interno del consiglio regionale ci sia ALMENO UN CITTADINO che permetta a tutti di ESSERE INFORMATI su quello che succede in consiglio regionale, COME VENGONO UTILIZZATI I FONDI, su come si spartiscono il potere.

BASTA ANCHE UN SOLO CITTADINO, in rete con tutti voi, che con una videocamera porti all’esterno e a conoscenza di tutti per fare sentire il nostro FIATO SUL COLLO ai politici che sono i nostri dipendenti.

Saremo sempre sui territori in una comunità attiva che sarà la forza imbattibile

Li costringeremo a fare i nostri interessi.

Noi saremo i guardiani della LEGALITÀ E DELLA TRASPARENZA del Consiglio Regionale e basta che uno solo entri in consiglio per farlo, come già sta succedendo in tanti comuni italiani.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=bHRoADZrgRA&hl=it_IT&fs=1&] [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=qisK2PsF_oA&hl=it_IT&fs=1&]

0 Commenti

  1. E’ stato davvero bello e emozionante vedere questa intervista.
    Emozionante perché? Uno perché sei mio fratello e vederti sempre più sicuro negli ambienti televisivi esprimendo cose in cui credo fermamente anche io, mi fa felice. Due perché anche se in fondo dentro di me lo sentivo, non me lo aspettavo che avresti fatto il passo che ti ha permesso di fare la voce grossa sulle tue idee, sulle nostre idee, e immagino che questa avventura sta portando anche a te nuove emozioni, nuove immagini, nuove informazioni.
    Sono davvero fiero di te.
    Mirko

  2. maria pia tosti

    sarà dura.
    serve secondo me:
    1) pochi argomenti “ferrati”. i rifiuti e tu devi sapere tutto sui rifiuti

    2) non rispondere per forza “ferrato” su tutto (è impossibile)

    3) fare un riepilogo mentale sui vari argomenti per avere una risposta breve, una risposta ci deve essere.

    4) non tergiversare troppo, spesso il messaggio (e sto parlando anche in consiglio) deve essere chiaro e incisivo ma ridotto senza gli ehmmm.

    5) più prove di fronte ad un pubblico, o davanti ad una telecamera (che poi ti rivedi)

    mi sento come i consiglieri di obama… vabbè sei pronto, secondo me, ora dovete ricordare bene tutti che questo momento è imperdibile, non dobbiamo fare l’opposizione, dobbiamo cambiare il sistema.
    noi vi votiamo, voi lavorate…ma ci potete sempre chiamare anche solo per dirci: sono stanco morto!!! (vedi email)
    coraggio, domani sarà peggio.

  3. Domenico Barba

    Grazie Maria Pia per il tuo punto di vista costruttivo!

  4. Bene Maria Pia, ma i cittadini devono lavorare con noi, fare rete, starci addosso. Saremo una forza schiacciante se con noi c’è un movimento vero in azione

  5. maria pia tosti

    Noi certamente vi aiutiamo, stiamo facendo campagna e il momento è sicuramente difficile. La gente non vuole pensare e il risultato di 20 anni di televisione soporifera non aiuta. Occorre portare a termine qualche vittoria sul piano pratico da pubblicizzare e che dia speranza, ecco la speranza è quello che ci vuole per risvegliare le persone, io ho paura che in consiglio ci si possa perdere nella burocrazia, lo vedo quotidianamente nel mio lavoro con le ASL che parlano tramite funzionari ignoranti anche delle loro stesse normative. Bisogna identificare quali sono le battaglie da affrontare che possano dare percentuali di vittoria significative, per non disperdere le energie, e guarda che cosa stà già succedendo con de luca, loro cercheranno di demonizzarvi e di impedirvi di lavorare, quindi “calma e gesso”, bisogna portare avanti i progetti con competenza e con tranquillità, se riuscirete a farvi ascoltare anche solo da 1 della loro parte avrete sfondato il muro e si potrà realizzare qualche punto di arrivo. Io credo che questo movimento sia l’inizio, anche se ormai da anni, di una possibilità di vita migliore, non occorre andare in fretta, noi non abbiamo fretta, quello che si vuole è non buttare quello che è stato costruito. Ripeto, coraggio: domani sarà peggio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code