Home / Acqua / Ambiente: la favola della crescita infinita

Ambiente: la favola della crescita infinita

Quando parliamo di ambiente, dovremmo incominciare a riflettere che non parliamo di un settore della società, ma di un modello.

Oggi il modello della nostra società è in crisi: economica, sociale, culturale.

Ci si affida ad un modello di crescita infinita che è contradetto da qualsiasi scienza umana.
Siamo in un mondo che ha uno spazio limitato, risorse limitate, ma vogliono ingannarci con la favola della crescita infinita.

Edgar Morin che ha scritto “I sette saperi necessari all’educazione del futuro” , su commissione dell’UNESCO parla di identità terrestre.

Senza questa identità non affronteremo le sfide più importanti del nostro secolo.

RifiutiEnergiaBonificheTrasporti

Continuo con le proposte segnalatemi dai cittadini attivi che riporto senza filtro che verranno aggiunte al sito del Programma Partecipato del MoVimento a 5 stelle

Ambiente

– Legge regionale che obbligi i comuni a riciclare tutti i rifiuti –obiettivo rifiuti zero – chiusura termovalorizzatore di acerra – controlli su discariche abusive – campagna capillare d’informazione
– Obbligo di aree verdi nell’arredo urbano
– Tassare gli imballaggi, le buste in plastica etc
– Bonifica dei siti contaminati
– Il costruttore di un nuovo edificio deve pagare in anticipo una tassa di abbattimento e smaltimento del rifiuto edile per introdurre il concetto di compensazione ecologia e incentiverebbe a recupero materiale volumi edili
– Evitare l’usa e getta nelle mense scolastiche
– Educazione al riciclaggio
– Abolire uso di doppi imballaggi
– Instaurare il sistema tariffario per la raccolta differenziata porta a porta con scheda magnetica
– Incentivare la vendita alla spina di detersivi e latte
– Eliminare la produzione di tutto ciò che non è riciclabile
– Riduzione dei rifiuti a monte
– Ridurre i rifiuti abbandonati per strada
– Multe salatissime per la Campania o lavoro socialmente utile a chi getta una sola carta in terra
– Legiferare sull’inquinamento del traffico e far rispettare i livelli massimi di inquinamento
– Materie prime naturali e risorse locali
– Incentivi su Mezzi elettrici
– Maggiore armonia urbanistica tra verde e le zone abitate
– Riduzione polveri sottili

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=DtDQRROWD-w&hl=it_IT&fs=1&]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

CAPTCHA
Reload the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code